Translate

venerdì 29 agosto 2014

Debito pubblico, prezzi e competitività.




Su Il Sole 24 ORE del 22 agosto 2014 l' economista tedesco  Hans-Werner Sinn richiama alla realtà l' Italia dell' illusione:

"L'Italia vive una terza ricaduta recessiva ma non ci è arrivata da sola. È il fallimento dei politici italiani sul fronte della competitività ma è un fallimento generalizzato in Europa".

"Negli ultimi sette anni la contrazione complessiva del Pil è stata del 9 per cento. Inoltre, la produzione industriale è precipitata di un inquietante 24 per cento".

"Il nuovo premier Matteo Renzi dice di voler stimolare la crescita, ma in realtà intende solo accumulare altro debito. È vero, il debito stimola la domanda, ma è un tipo di domanda artificiale ed effimero. La crescita sostenibile potrà essere raggiunta solo se l'economia italiana ritrova la sua competitività e all'interno dell'eurozona c'è solo un modo per farlo: riducendo i prezzi rispetto ai concorrenti dell'eurozona. Ciò che l'Italia è riuscita a fare svalutando la lira deve essere ora emulato attraverso un vero e proprio deprezzamento".

"Ma se Renzi dedica molta energia verbale all'economia, finora non ha fatto capire di aver compreso la vera natura del problema italiano. E non è l'unico. Anzi, praticamente l'intera classe politica europea, da Bruxelles a Parigi e Berlino, pensa ancora che l'Europa soffra di una semplice crisi finanziaria e di fiducia. Non parla della perdita di competitività che sta alla base del problema perché parlarne solamente non basterebbe a risolverla".

E' assolutamente corretto sottolineare il ruolo della perdita di competitività. Questa è la vera causa della crisi dell' Eurozona e dell' Italia in particolare. Ma Sinn sbaglia a restringere la prospettiva alla sola Eurozona e pone in termini rozzi il problema dei prezzi.
Occorre infatti rilevare che la competizione avviene nell' economia globale, oltre i confini dell' Eurozona, che la svalutazione della moneta sarebbe insieme insufficiente e controproducente, che prezzi competitivi si raggiungono per vie diverse, più o meno virtuose.
L' adeguamento dei prezzi non può e non deve emulare la svalutazione. Questa infatti non solo non muta la qualità di beni e servizi, che contribuisce a determinarne la competitività, ma rende più costosi semilavorati, materie prime ed energia. La svalutazione inoltre colpisce il risparmio, necessario agli investimenti e alla previdenza privata, la cui importanza è destinata ad aumentare.
Diverse vie poi conducono a prezzi adeguati. Una di queste è la moderazione salariale. Ma la più raccomandabile è la diminuzione della pressione fiscale sui produttori, imprenditori e lavoratori. Questa influisce favorevolmente non solo sui prezzi, ma direttamente anche sugli investimenti stessi, indispensabili per tornare a crescere.

Visite