Translate

lunedì 2 marzo 2009

Diario della crisi. Quando i rimedi sono peggiori del male.

Due parole ancora sulla grave crisi economica in atto.
Una domanda drogata da un eccessivo e patologico ricorso al debito, prima pubblico e poi privato, tende ad implodere.
I vizi del commercio internazionale e della ricerca globalizzata dei fattori della produzione, ingigantiti dalla mancata applicazione agli operatori economici di regole comuni e virtuose, danneggiano in profondità economie tradizionalmente arricchite da imprese dinamiche.
Non si può curare una crisi determinata dall' eccessivo consumo a debito e dalla fiducia in risorse fittizie con l' avventurosa prodigalità pubblica.
Nè si deve tentare di ovviare ai vizi di un mercato distorto ed insufficiente con la riduzione dei suoi spazi, con il protezionismo.

Chi non è più giovane ha davanti agli occhi i disastri provocati dallo statalismo, dal collettivismo, dalla protezione di aziende inefficienti attuata da paesi ripiegati su se stessi, con una corruzione dilagante.
Occorre controllare il lievitare del debito, pubblico e privato.
Occorre realizzare un mercato vero, genuino, virtuoso, mediante l' attenta applicazione di regole comuni a tutti gli operatori economici, su scala globale.
Occorre ripristinare ed incrementare la responsabilità individuale, elevando l' osservanza spontanea delle regole.
Queste devono essere le priorità.

Le sofferenze individuali e spesso incolpevoli che questa situazione economica determina devono essere alleviate con un intervento pubblico selettivo ed attento a non causare un aumento strutturale ed incontrollato della spesa pubblica.
Sarebbe davvero un grave errore scambiare incerti effetti oggi su una condizione temporanea e contingente con il peggioramento più che probabile di un domani già in parte compromesso dalla miopia.

Visite