Translate

sabato 13 giugno 2015

2015. L' Italia secondo la Corte dei conti.




L' 11 giugno 2015 la Corte dei conti ha presentato il  Rapporto 2015 sul coordinamento della finanza pubblica. Con tale documento "la Corte dei conti fornisce al Parlamento e al Governo una valutazione sull'adeguatezza e sulla rispondenza degli strumenti individuati a presidio del coordinamento della finanza pubblica. Un esame che è preceduto, come ogni anno, da una analisi degli andamenti macroeconomici e da una valutazione delle prospettive della finanza pubblica nel successivo triennio, anche alla luce dei risultati di consuntivo dell’esercizio passato". Le considerazioni della Corte sono di grande interesse:

"...la spesa primaria corrente è invece aumentata di 16 miliardi, spingendo in direzione di un maggiore indebitamento. Il Rapporto sottolinea, tuttavia, come quest’ultimo risultato sia, però, attribuibile alla sola componente per prestazioni sociali: al netto di questa voce, la spesa primaria corrente è diminuita, nel periodo, di quasi 21 miliardi".

"Un ambiente macroeconomico espansivo sarà necessario per un effettivo allentamento della pressione fiscale. Non possono infatti sottovalutarsi le incertezze che riguardano la possibilità di realizzare pienamente il programma di spending review, a motivo degli ampi risparmi già conseguiti per le componenti più flessibili (redditi e consumi intermedi) e per il permanere di un elevato grado di rigidità nella dinamica delle prestazioni sociali. E’ questo un punto di snodo che deve portare all’attenzione il fatto che un duraturo controllo sulle dinamiche di spesa può ormai difficilmente prescindere da una riscrittura del patto sociale che lega i cittadini all’azione di governo e che abbia al proprio centro una riorganizzazione dei servizi di welfare".

" Poca attenzione è stata, infatti, rivolta al fatto che le condizioni di sostenibilità di lungo periodo della finanza pubblica richiedono, al nostro paese, la costruzione di una traiettoria macroeconomica ambiziosa, caratterizzata da saggi di crescita del Pil e della produttività non inferiori all’1,5 per cento anno e da un ritorno della disoccupazione al tasso del 7 per cento. Si tratta di uno scenario non conseguibile in assenza di interventi profondi, capaci di accelerare la dinamica della produttività totale dei fattori. E’ in questo ambito di sostenibilità che deve tornare centrale la discussione sul programma di riforme strutturali".

L' incremento della spesa corrente per prestazioni sociali determina un aumento insostenibile dell' indebitamento pubblico. Permane " un elevato grado di rigidità nella dinamica delle prestazioni sociali".  Per ridurre adeguatamente la spesa pubblica e la pressione fiscale occorre riformare il welfare, ridisegnando i confini dell' intervento pubblico e lo stesso perimetro dello stato. Sono necessarie profonde riforme strutturali, capaci di migliorare la produttività e incidere sui principali fattori di crescita. Il dibattito pubblico deve riorientarsi, concentrandosi su questi temi fondamentali.
L' analisi della Corte basta a suggerire un serio programma di governo e una efficace attività di riforma, entrambi assenti da lungo tempo. Purtroppo quando la democrazia non si accompagna a una costante educazione alla libertà e alla responsabilità la demagogia è destinata a prevalere. 

Visite