Translate

venerdì 27 marzo 2015

Jobless recovery. La crescita che impoverisce.


Occupazione USA






Sul Corriere della Sera del 27 marzo 2015 Lucrezia Reichlin ripropone un problema fondamentale, quello della cosiddetta jobless recovery, la ripresa senza crescita dell' occupazione:

"...nell’eurozona, il cosiddetto tasso «naturale» di disoccupazione, cioè quello che si realizzerà quando tutti gli occupabili avranno trovato lavoro, è quasi del 10%. Questo 10% non scomparirà con la ripresa e per quanto definito naturale nel linguaggio tecnico, di naturale ha ben poco. Se a questo 10% si aggiungono le persone che non cercano un impiego attivamente in quanto scoraggiate, e si considera che questo numero è composto in gran parte di disoccupati da lungo tempo, stiamo quindi dicendo che la zona euro - una delle più ricche economie del pianeta - dovrà imparare a convivere con un esercito di esclusi dal mercato del lavoro. Questi sono i numeri di tutta l’eurozona: Nord e Sud. L’Italia è messa ben peggio. Nonostante oggi il nostro tasso di disoccupazione sia appena superiore a quello della zona euro, la sua composizione è terrificante: 40% di disoccupati tra i giovani, con una concentrazione molto alta nel Mezzogiorno e tra i senza lavoro di lunga durata".

"È dalla ripresa del 2009 che gli Stati Uniti discutono, non solo nelle università ma anche nella politica, sul come affrontare la cosiddetta jobless recovery, cioè una ripresa non accompagnata da un aumento dell’occupazione".

Le nuove tecnologie e la globalizzazione, che non si è estesa alle istituzioni e alle regole, hanno messo in crisi l' occupazione nelle economie per prime giunte a un intenso sviluppo economico e a un benessere diffuso. Come ritornare a un accettabile livello di occupazione? Evidentemente misure che non incidono sui vizi di una globalizzazione senza regole comuni e non incrementano i fattori della crescita economica virtuosa non possono nemmeno determinare un aumento dell' occupazione. 
Bisogna abbassare la pressione fiscale e migliorare il capitale umano, diffondendo le conoscenze matematiche, scientifiche e tecniche. Occorre creare le condizioni per un aumento degli investimenti privati, soprattutto esteri. E' necessario che una rinnovata certezza del diritto stimoli l' impiego del risparmio a sostegno della nuova produzione nei settori più promettenti. Ma di questo neppure si parla, immersi in un mare di propaganda.




Visite