Translate

venerdì 24 ottobre 2014

Opere pubbliche. Quelle che i privati non possono fare.




Dalle cattedre universitarie e dai banconi dei bar si invocano opere pubbliche per tornare alla mitica crescita. Ma quando spetta allo stato realizzarle? E servirebbero a rinvigorire il corpaccione stremato delle economie europee?

Luigi Einaudi:

" È errore inescusabile degli Stati moderni, i cui compiti crescono di giorno in giorno, i quali hanno bisogno di procacciarsi a prestito somme grandiose non solo oggi eccezionalmente per le opere di ricostruzione, ma domani permanentemente per ferrovie, strade, ponti, porti, scuole, ospedali e per tutte le svariate opere di civiltà le quali sono fuori della sfera privata, è errore inescusabile degli Stati moderni di partire in guerra contro i cosiddetti capitalisti, ossia contro i fornitori di risparmio nuovo allo Stato assetato di capitali" (Corriere della Sera, 1 dicembre 1946).

Qui l' economista liberale, secondo presidente della Repubblica italiana, segue uno dei massimi precursori del liberalismo contemporaneo, Adam Smith:

"Il terzo e ultimo dovere del sovrano o della repubblica è quello di erigere e conservare quelle pubbliche istituzioni e quelle opere pubbliche che, per quanto estremamente utili a una grande società, sono però di natura tale che il profitto non potrebbe mai rimborsarne la spesa a un individuo o a un piccolo numero di individui, sicchè non ci si può aspettare che un individuo o un piccolo numero di individui possa erigerle o conservarle...opere e istituzioni di questo genere sono principalmente quelle per facilitare il commercio della società e quelle per promuovere l' istruzione della popolazione" (La ricchezza delle nazioni, Libro quinto).

Nel grande pensiero liberale una linea precisa: lo stato realizzi le opere pubbliche necessarie o estremamente vantaggiose per lo sviluppo civile ed economico che i privati non possono fare. Dunque niente buche da scavare per essere riempite. Bando a quei progetti ambiziosi che, conducendo al dissesto delle finanze pubbliche, determinano un aumento delle imposte o dell' inflazione. E basta con le illusioni:  nuove infrastrutture in Germania, costruite da operai polacchi, non daranno alcun apprezzabile contributo al recupero delle economie di Francia e Italia, ansimanti per il peso del welfare e la pressione fiscale, minate dal fallimento delle principali agenzie educative.

Visite