Translate

venerdì 13 giugno 2014

Iraq. Un disastro annunciato.



Gli insorti islamisti dell' Isis conquistano rapidamente terreno in Iraq. Lo stato costituito dopo la Seconda guerra del Golfo è ormai prossimo al collasso. Scrive Guido Olimpio sul Corriere della Sera del 13 giugno 2014:

"Gli insorti dell’Isis continuano ad avanzare grazie anche alla scarsa opposizione. Gli islamisti sono entrati nella località di Jalula e Sadiya, a circa 120 chilometri a nord di Bagdad, dopo che i governativi hanno abbandonato le posizioni senza combattere. L’esercito sembra impegnato a riorganizzare la difesa della capitale e al suo fianco – secondo molte indiscrezioni – ci sono i consiglieri iraniani. Intanto l’Onu denuncia esecuzioni sommarie nella regione di Mosul: almeno 17 ufficiali sono stati fucilati dall’Isis. E altre uccisioni potrebbero seguire. I militanti hanno liste nere con i nomi dei civili che hanno collaborato con le autorità. L’Isis non ha solo una forza militare notevole ma dispone di un apparato di intelligence bene informato e diffuso".

Questi drammatici sviluppi potevano essere evitati? Il giudizio storico si presenta sempre come valutazione di alternative.
La Prima guerra del Golfo fu combattuta nel 1991 per liberare il Kuwait dopo l' invasione irachena e lasciò al potere Saddam Hussein. La Seconda guerra del Golfo iniziò nel 2003 con il reale obiettivo di fare cadere il regime di Saddam. Questo secondo conflitto che alternative aveva? La gabbia in cui era stato costretto il regime dopo la conclusione delle ostilità era  efficace e sostenibile? Se Saddam fosse riuscito a presentarsi alle masse islamiche sunnite come il leader capace di farsi beffe delle potenze occidentali cosa sarebbe successo?
Dopo la caduta di Saddam l' Iraq fu straziato da una guerra lunga e sanguinosa. All' inizio del 2007 il generale David Petraeus assunse il comando delle forze armate USA in Iraq. In un solo anno conseguì rilevanti successi, ridusse le violenze e ottenne una sostanziale stabilizzazione del paese.
Nel gennaio 2009 Obama divenne presidente degli Stati Uniti. Egli avviò un rapido disimpegno dall' Iraq a fronte di un maggior impegno statunitense in Afghanistan. E' verosimile che il troppo rapido disimpegno USA dal teatro iracheno abbia compromesso la stabilizzazione in atto e sia in larga misura all' origine della successiva involuzione.


Visite