Translate

martedì 12 giugno 2012

Riforme. Evitare la balcanizzazione.



http://i.res.24o.it/images2010/SoleOnLine5/_Immagini/Notizie/Italia/2011/05/italia-fotolia-258.jpg?uuid=94a3b72c-850e-11e0-bf94-90c651e9f06e


Sulla Stampa Marcello Sorgi ha scritto:

"Con una simultaneità mai vista prima, dai vertici di Pd e Pdl sono uscite due proposte simmetriche e contrapposte: primarie e liste civiche".
"...sarà dato pieno riconoscimento alle liste che, pur non riconoscendosi negli stessi partiti, ritengono di concorrere nei due campi aggregandosi alle rispettive coalizioni".
"Apparentemente, sembra un espediente abbastanza logico, mirato dichiaratamente a ottimizzare la raccolta dei consensi, in un’elezione in cui più forti s’annunciano le contestazioni e la forza d’urto dei movimenti dell’antipolitica, usciti vincitori dalla recente tornata di amministrative. Ma di fatto, è inutile nasconderlo, c’è un’evidente contraddizione tra primarie e liste civiche. Le prime, infatti, puntano a unire gli elettori di un campo e a contrapporli a quelli del campo opposto. Le seconde, al contrario, nascono per dividere o comunque per segnare delle differenze".
" Ciò che finora non era stato provato, e invece lo sarà la prossima volta, è cosa possa accadere spostando le liste civiche, dalle contese cittadine e strapaesane, a quella nazionale per il governo".
"Si può solo provare ad immaginare le conseguenze".
"Ma la conseguenza comune e più diretta... sarà che chiunque vinca si ritroverà alle prese con i problemi già emersi in passato di divisioni interne e scarsa governabilità, moltiplicati per il numero di radici locali delle numerose liste civiche che, in nome della nuova dottrina annunciata ieri, saranno associate al centrosinistra e al centrodestra".
"Per questo, prima di aprire la strada a un’evoluzione così pericolosa della nostra già claudicante democrazia, occorrerebbe pensarci bene. Basterebbe riformare seriamente la legge elettorale, per evitarlo. Invece, al posto di rinnovarsi davvero, per gareggiare con i nuovi movimenti, nati e prosperati sulla loro crisi, i due maggiori partiti si preparano a legittimare tutto il «nuovo» (e spesso anche quello autodefinitosi tale) che non riescono a portare al loro interno e tutta la monnezza che non possono trattenere, a rischio di intossicazione, ma che temono, una volta espulsa, faccia perdere voti".

L' attribuzione di un ruolo nazionale alle cosiddette liste civiche non apre nuovi spazi alle associazioni, ai comitati, ai corpi intermedi  tanto cari a Tocqueville e a Roepke, dove il cittadino apprende la libertà e il suo esercizio responsabile, trovando il proprio posto in una rete di appartenenze che dà senso alle opzioni.
Tale attribuzione concorre piuttosto alla disgregazione del paese, premiando il particolarismo, le spinte corporative, l' approccio demagogico. La prospettiva di una balcanizzazione della nostra democrazia inquieta gli investitori internazionali, che considerano il rischio politico un parametro fondamentale.
L' Italia ha bisogno di riforme strutturali che circoscrivano le dimensioni e i costi della pubblica amministrazione, ridefiniscano la struttura e gli obiettivi del welfare, diminuiscano la pressione fiscale, aumentando l' efficienza e la competitività dell' intero sistema. Non esistono scorciatoie. Solo così si esce dalla crisi che ci attanaglia.
La riforma elettorale e della forma di governo deve tendere a riconciliare i cittadini e le istituzioni della democrazia rappresentativa e a consentire che le preoccupazioni degli elettori si traducano in una pressione costruttiva e positiva. Occorre evitare con ferma attenzione la polverizzazione della rappresentanza politica e il suo asservimento alle peggiori pulsioni.



Visite