Translate

sabato 18 aprile 2015

Grexit. Grecia fuori dall' euro.




Sul Corriere della Sera del 17 aprile 2015 Danilo Taino ha delineato la prospettiva sulla crisi greca che ormai prevale:

"Oggi di Grexit - cioè di uscita di Atene dall’euro - si discute invece apertamente a Berlino, in Europa e intensamente a Washington, al margine degli incontri primaverili dell’Fmi. E nessuno si terrorizza. 
È che fino a tre anni fa la Grecia era considerata tossica e contagiosa dal punto di vista finanziario. Oggi è considerata tossica e contagiosa dal punto di vista politico. Ma con una conseguenza opposta: allora, la convinzione era che la malattia si sarebbe diffusa se il Paese avesse abbandonato l’Unione monetaria, oggi si ritiene che si diffonderebbe se vi rimanesse nei termini in cui ci vuole restare il governo di sinistra radicale di Alexis Tsipras".

"...in molti governi europei - quello tedesco ma anche quelli olandese, spagnolo, portoghese, irlandese, slovacco - sta crescendo la convinzione che fare concessioni significative al governo di sinistra di Atene sarebbe tossico, nel senso che non solo darebbe forza a movimenti simili in altri Paesi ma anche stravolgerebbe e minerebbe le basi politico-economiche sulle quali sono stati costruiti cinque anni di interventi per affrontare la crisi dell’eurozona".

Il tema è rilevante in un ambito più ampio e fondamentale. Un decisivo fattore di buona crescita capace di creare occupazione adeguata per quantità e qualità è costituito dagli investimenti privati nella cosiddetta economia reale.
Tali investimenti si realizzano quando sono possibili e convenienti. Sono possibili e convenienti quando la liquidità non è inghiottita dalla facile speculazione e si muove in una ragionevole certezza del diritto e dei diritti.  Da questa prospettiva si colgono gli effetti perversi dei QE statunitense, giapponese ed europeo e vedono le conseguenze negative di una Grecia nell' euro "nei termini in cui ci vuole restare il governo di sinistra radicale di Alexis Tsipras".
Una Grecia libera di restare nell' Unione monetaria europea in tali termini rappresenterebbe un messaggio politicamente ed economicamente devastante. Politicamente perchè darebbe una formidabile spinta ai movimenti radicali europei. Economicamente perchè contribuirebbe a indebolire ulteriormente negli operatori in grado di investire la fiducia in una ragionevole certezza del diritto e dei diritti, che trae origine dalla loro puntuale osservanza, non da controproducenti e illusorie garanzie pubbliche.

Visite