Translate

sabato 11 gennaio 2014

Crisi italiana. Produrre meglio per produrre di più.



Il 20 dicembre a Roma in una conferenza organizzata dall' Istituto Affari Internazionali  tra  gli altri è intervenuto Lorenzo Bini Smaghi, ex membro del comitato esecutivo della Banca centrale europea .
Bini Smaghi ha denunciato l' incertezza di politica economica che ostacola gli investimenti e sottolineato la portata della insufficiente produttività che segna l' economia italiana. Il nostro paese perde così quote di export. La mancata crescita è imputabile a vizi strutturali.





Su lavoce.info il professor Fabiano Schivardi ha scritto:

"...il nostro paese è in ritardo nella diffusione delle “best practices”. La sfida della competitività si vince innovando non solo i prodotti, ma anche il modo in cui sono organizzati gli stabilimenti. Opporsi ai cambiamenti significa condannare la manifattura italiana a un declino inarrestabile. È compito della politica fornire un quadro normativo adeguato alla gestione efficiente dei rapporti di fabbrica, a partire dalla riforma del sistema di rappresentanza".

Non basta però una riforma dei rapporti di fabbrica. Le imprese italiane spesso sono sottocapitalizzate, hanno dimensioni inadeguate, mantengono relazioni clientelari con il potere pubblico, non applicano criteri meritocratici, non ricevono dal sistema scolastico giovani preparati, devono fare i conti con infrastrutture scadenti.
Ma anche queste misure strutturali non garantiscono la ripresa dell' occupazione. Lavorare meglio può voler dire lavorare in meno.  Per questo occorre esplorare e valorizzare ogni nicchia, vocazione e potenzialità del panorama produttivo italiano. Lo sviluppo dei servizi non esclude quello della manifattura di qualità. Il successo della filiera agricolo-alimentare deve esaltare la vocazione turistica di territori e città d'arte.
Questa è la via da imboccare con coraggio, abbandonando ogni sterile illusione, non attribuendo ad altri colpe, vizi e ritardi che sono invece degli italiani.


Visite