Translate

sabato 4 febbraio 2012

Alta pressione fiscale e crescita. Una convivenza impossibile.

E' di qualche giorno fa un importante articolo di Antonio Martino:

"...il potenziamento del fondo salva Stati cos’è se non una sorta di assicurazione offerta agli Stati gratuitamente per l’eventualità che non rispettino la disciplina fiscale loro imposta?... Da un lato si vuole rigore nella gestione del pubblico bilancio, dall’altro si garantisce che eventuali violazioni di quel rigore saranno premiate con risorse fornite dal fondo!".

"...il tentativo di eliminare i deficit di bilancio degli Stati ai livelli di spesa pubblica attuali condanna l’intera Europa a una grave recessione, le cui dimensioni, temo, saranno ben maggiori di quanto già previsto. Il principio del pareggio del bilancio su base annua è fondamentale principio di trasparenza nella gestione della cosa pubblica quando le spese del settore pubblico sono contenute. Diventa, invece, garanzia di recessione quando, come oggi in Italia, la spesa pubblica supera il 52% del reddito nazionale. Per pareggiare il bilancio sarebbe necessaria una pressione fiscale del 52% e il contribuente medio dovrebbe sopportare un’aliquota del 52%. Se il prelievo medio è a quel livello, dato che esistono anche contribuenti poveri, quelli che hanno un reddito superiore alla media dovranno versare al fisco ben più della metà di quanto producono. L’aliquota media gravante sulle imprese supererebbe agevolmente il 70-80%".

"Lo sviluppo diventa matematicamente impossibile: se deve consegnare più di metà del suo reddito, è assai dubbio che il contribuente possa darsi alla pazza gioia, accrescendo i consumi, o che possa stringere la cinghia risparmiando quanto necessario a una crescita degli investimenti".

"Stiamo senza esitazione condannando il vecchio continente e forse l’intero pianeta a una crisi grave ed evitabile. L’Italia ha bisogno urgente di riforme, che portino alla trasformazione dell’attuale, insostenibile sistema di trasferimenti. Il servizio sanitario nazionale dovrebbe smettere di essere universale, prendendo a tutti per dare (non sempre) a tutti, e diventare selettivo, prelevando dagli abbienti per dare agli indigenti. Costerebbe molto meno, sarebbe meno esposto alla corruzione e non sarebbe più regressivo; oggi grava di tributi anche i meno abbienti per fornire servizi gratuiti anche ai ricchi, la sua inefficienza è testimoniata dalla frequenza di episodi di malasanità, la sua corruzione è ampiamente documentata e il suo costo è astronomico".

"La governance locale non è sostenibile: i quattro quinti degli oltre ottomila comuni sono del tutto superflui, la maggior parte delle province non ha ragion d’essere e le regioni sono troppo grandi o troppo piccole per essere un efficiente ente locale. Quanto ai parchi nazionali ne basterebbe un numero drasticamente minore, lo stesso vale per le comunità montane, le autorità indipendenti e così via".

"Queste riforme consentirebbero di ridurre la spesa pubblica a un livello inferiore al quaranta per cento del reddito nazionale e potrebbero con grande tranquillità essere accompagnate da una radicale riforma fiscale che porti le aliquote medie delle imposte dirette a livelli non superiori al venti per cento".

Il professor Antonio Martino, con coraggio e lucidità, si pone fuori dal coro dei conformisti e mette il dito sulla piaga:
"Lo sviluppo diventa matematicamente impossibile: se deve consegnare più di metà del suo reddito, è assai dubbio che il contribuente possa darsi alla pazza gioia, accrescendo i consumi, o che possa stringere la cinghia risparmiando quanto necessario a una crescita degli investimenti".
L' Italia può sperare di risalire la china della competitività solo riducendo la pressione fiscale, ormai superiore alla metà del PIL, mentre in Cina probabilmente non supera il 20%. E può conseguire questo risultato solo riformando dalle fondamenta il suo welfare, che "oggi grava di tributi anche i meno abbienti per fornire servizi gratuiti anche ai ricchi".
Alle considerazioni di Martino si deve aggiungere che uno stato sociale più corto e diretto alla protezione di chi ha realmente bisogno della mano pubblica è esattamente quello previsto dalla Costituzione italiana vigente. La Repubblica è infatti chiamata a garantire cure gratuite "agli indigenti" (art. 32 Cost.) e a rendere effettivo il diritto dei " capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi", di "raggiungere i gradi più alti degli studi" "con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso" (art. 34 Cost.).

Visite