Translate

venerdì 13 febbraio 2015

Chiesa cattolica. L' economia buona è quella che funziona.




Papa Francesco ha grandi meriti. Ha riproposto un cristianesimo semplice, genuino, privo del sovraccarico intellettualistico che lo ha a lungo soffocato. Con Bergoglio la Chiesa guarda ancor più intensamente ai poveri, primi destinatari  del messaggio di Gesù. Meno convincente è la tendenza, che fa capolino anche in sede magisteriale, a proporre una sorta di visione economica cristiana, di approccio economico e sociale globale idoneo a fronteggiare disoccupazione, povertà, ingiustizia, degrado ambientale.
Uno dei tratti più originali ed affascinanti del cristianesimo è rappresentato proprio dal non essere un corpo di regole direttamente applicabili alla economia e alla politica. La visione cristiana esercita la sua influenza indirettamente, purificando le coscienze. Restano insuperate le lucide considerazioni di Tocqueville ne La Democrazia in America (Libro Terzo, Parte Prima, Capitolo Quinto):

"....nel Corano non solo dottrine religiose, ma anche massime politiche, leggi civili e criminali e teorie scientifiche. Il Vangelo, invece, parla solo dei rapporti generali degli uomini con Dio e fra loro. Al di fuori di questo non insegna nulla e non obbliga a credere nulla. Questo soltanto, fra mille altre ragioni, basta a mostrare che la prima di quelle due religioni non può dominare a lungo in tempi di civiltà e di democrazia, mentre la seconda è destinata a regnare anche in quei secoli come in tutti gli altri".

Qualsiasi religione, e il cristianesimo non fa eccezione, quando si lega a teorie economiche, politiche o filosofiche soltanto umane rischia di cadere con esse. L'economia buona è quella che funziona. Ricette che prevedono la diretta imposizione alle istituzioni economiche dei principi della morale cristiana funzionerebbero, condurrebbero a migliorare le condizioni dei più, a fornire le risorse per non lasciare indietro nessuno? L'esperienza storica non offre indicazioni in questo senso, anzi. Il mercato realizzato con regole e istituzioni efficienti si rivelerebbe sicuramente migliore di un'economia "cristiana" segnata dalla presenza di operatori non cristiani.

Visite