Translate

venerdì 9 gennaio 2015

Terrore nel cuore della vecchia Europa.




L'attacco alla rivista satirica francese Charlie Hebdo ha portato al centro del dibattito pubblico mondiale i temi della libertà di espressione, dell'intolleranza, delle manifestazioni violente del fondamentalismo islamico.
Emerge chiaro il rischio che l'esercizio sopra le righe della libertà di espressione e la retorica di circostanza siano accompagnati dall'incomprensione delle tendenze e dall'inazione. L'applicazione rigorosa dell'etica della responsabilità non caratterizza soltanto i vertici della Chiesa cattolica. Karl Popper ne fu coerente fautore. Per l'autore de La Società aperta e i suoi nemici ciascuno è responsabile della propria condotta e delle sue conseguenze, in particolare delle sofferenze ingiuste provocate. Seguendo questo criterio nel 1989 si rifiutò di firmare un "Appello Mondiale" a favore di Salman Rushdie, autore di un romanzo secondo molti musulmani recante ingiurie all'Islam e per questo condannato a morte dai fondamentalisti islamici. Alla contesa sul libro seguirono scontri ed uccisioni. In questa occasione così scrisse a Isaiah Berlin:

"Infatti, sappiamo tutti che l'Ayatollah è di gran lunga il peggiore criminale. E ovviamente Rushdie dovrebbe essere protetto dalla polizia. Possiamo anche dispiacerci per lui. Ma mi dispiace molto di più per le persone che sono state uccise in questo conflitto. Credo che ogni libertà implichi dei doveri: usare responsabilmente la propria libertà."

La lettera a Berlin si può leggere in Karl POPPER, Dopo la società aperta, ed. 2009, pag.308.

Lo  stesso Popper insegnò sempre che non si deve tollerare l'intolleranza, altrimenti  tolleranza e libertà vengono meno. Dal filosofo viennese il programma da adottare: libertà responsabile, ferme prevenzione e repressione dell'intolleranza.
Molte analisi sottolineano i tratti del terrorismo che insanguina la vecchia Europa. Robert S. Leiken su The National Interest del 9 gennaio 2015 scrive:

"Tuesday’s attack on the Parisian satiric magazine Charlie Hebdo was performed by what one could describe as European Holy Warriors...They are part of a larger European movement that is internally generated. Understanding this important point and what it means for Europe and eventually the United States is critical.
This European jihadi movement is not made up of “immigrants” as is commonly presumed and published. Most are home-grown children of immigrants, the so-called “second generation.”".

Altrettanto messi in luce sono gli stretti rapporti di questo fenomeno con i conflitti mediorientali. Ma l'attenzione per questi legami nefasti pone spesso in secondo piano la tendenza che pare più grave e inquietante: la progressiva radicalizzazione della "maggioranza silenziosa" islamica in tutto il mondo, la sempre maggiore presa del radicalismo sul grande corpo dell'Islam.
Su AsiaNews.it del 9 gennaio 2015 Bernardo Cervellera racconta l'evoluzione dell'islam curdo:

"Mons. Rabban mi spiega che l'islam curdo è stato sempre moderato e ha vissuto in pace con cristiani, yazidi, zoroastriani,... Ma le pressioni fondamentaliste stanno scuotendo la convivenza.  Gli uomini seduti attorno alla stanza parlano dell'influenza dell'Iran, della Turchia, ma soprattutto dell'Arabia saudita. "Da noi non c'erano donne velate; adesso se ne vedono qua e là: sono pagate dall'Arabia saudita per portare il velo. Il fondamentalismo è figlio della povertà"".

"...a Mosul. Mi raccontano che un ragazzo cristiano giocava sempre con un suo amico coetaneo musulmano. A un certo punto un giorno il musulmano dice all'altro: "Non gioco più con te. Mio zio mi ha detto che non devo giocare con i cristiani". E l'amicizia è finita. Almeno per ora".

Sempre su AsiaNews.it del 9 gennaio 2015 Mathias Hariyadi dà conto della situazione in Indonesia:

"L'Indonesia, nazione musulmana più popolosa al mondo, è spesso teatro di attacchi o gesti di intolleranza contro le minoranze: cristiani, musulmani ahmadi o di altre fedi. Nella provincia di Aceh - unica nell'Arcipelago - vige la legge islamica (shari'a), in seguito a un accordo di pace fra governo centrale e Movimento per la liberazione di Aceh (Gam), e in molte altre aree (come Bekasi e Bogor nel West Java) si fa sempre più radicale ed estrema la visione dell'islam".

Dove va l'Islam profondo, la grande comunità costituita da un miliardo di fedeli? Questa è la domanda fondamentale.

Visite