Translate

martedì 18 giugno 2013

Il welfare secondo Putin.




Su La Stampa del 13 giugno 2013 un' intervista a Vladimir Putin realizzata dai giornalisti dell’agenzia russa Ria Novosti in vista del vertice del G8. Il presidente russo si diffonde nell' esame del modello europeo di stato sociale:

"Non la politica sociale, ma la vita con spese superiori alle proprie risorse, la perdita di controllo sullo stato generale dell’economia, gli squilibri strutturali sono ciò che ha portato alle conseguenze che possiamo vedere oggi in Europa. In molti paesi europei inoltre sta fiorendo il parassitismo: non lavorare è spesso assai più proficuo che lavorare. Questa è una minaccia non solo all’economia, ma alle basi morali della società. È ben noto che molti cittadini dei paesi meno sviluppati arrivano in Europa apposta per “vivere dell’assistenza sociale”, come si dice in Germania". 

"Oggi proprio la crescita dei redditi della popolazione, delle spese di consumo, dei prestiti bancari sono i fattori principali che stimolano l’economia del nostro paese. I grandi mezzi finanziari dello stato si spendono per l’aumento dell’occupazione, per la creazione dei nuovi posti di lavoro e per la realizzazione dei programmi dell’impiego. Allo stesso tempo i redditi in termini reali stanno crescendo, l’adeguamento delle pensioni e dei sussidi sociali all’inflazione è una realtà, il sistema pensionistico in generale si sta modernizzando. In seguito a questo il livello della disoccupazione nella Russia nei primi quattro mesi del 2013 è rimasto abbastanza basso (– 5,7%). Più attenzione va dedicata invece alle questioni del miglioramento della situazione demografica, allo sviluppo del sistema della sanità. Stiamo realizzando i rispettivi programmi e progetti. Per quello che riguarda l’Europa, a quanto vediamo, i paesi europei principali svolgono le riforme strutturali per aumentare la competitività delle proprie economie, lottano alla disoccupazione. Allo stesso tempo per via del miglioramento del coordinamento delle politiche del bilancio ed economiche l’approccio verso l’austerità finanziaria diventa più flessibile. Ed i loro obblighi sono stati formalizzati nella Strategia dello sviluppo economico-sociale dell’UE fino al 2020. Quindi non bisogna dare per sconfitto il modello sociale europeo".

"Non bisogna dare per sconfitto il modello sociale europeo", afferma Putin, pur denunciandone i problemi. Il presidente delinea i successi in ambito sociale del governo russo. Dimentica però di dire che tali risultati, per altro non eclatanti, sono stati ottenuti non con un significativo aumento della produttività e dell' efficienza del sistema, bensì con l' intenso sfruttamento delle risorse naturali del suo grande paese, che già ha reso a lungo sostenibile l' economia sovietica. L' obiettivo di una diversificazione produttiva, che renda l' economia russa non  dipendente dall' esportazione di materie prime, gas e petrolio, rimane lontano.
Condivisibile è invece la preoccupazione per le conseguenze negative di un welfare mal congegnato, che disincentiva l' iniziativa, il lavoro e il risparmio, diventando sempre più insostenibile. La preoccupazione per gli effetti perversi dell' assistenza pubblica contraddistingue il pensiero già dei grandi precursori del liberalismo. Basti citare il Saggio sulla povertà di Tocqueville, recentemente ripubblicato dalla casa editrice dell' Istituto Bruno Leoni:

"Chi oserà lasciar morire di fame il povero perché egli è vittima del proprio difetto? Alla vista della miseria del nostro prossimo, lo stesso interesse personale tace; l’interesse del tesoro pubblico ne sarà meglio capace? E se l’anima dell’amministratore dei poveri rimarrà inaccessibile a queste emozioni, sempre belle, anche se dissipate, resterà essa inflessibile alla paura? Tenendo egli tra le sue mani il dolore o le gioie, la vita o la morte di una porzione considerevole dei suoi simili, della porzione più disordinata, più turbolenta, più rozza, non indietreggerà dinnanzi l’esercizio di questo terribile potere?" 

"Qualsiasi strategia che fonda la beneficenza legale su una base permanente e che le dà una forma amministrativa crea dunque una classe oziosa e composta da parassiti, che vive sulle spalle della classe industriale e lavoratrice. È questa, oltre il suo effetto immediato, la conseguenza inevitabile... Una tale legge è un seme avvelenato, messo nel cuore della legislazione; le circostanze, come in America, possono impedire al seme di svilupparsi rapidamente, ma non possono distruggerlo; e se la generazione corrente sfugge alla sua influenza, divorerà il benessere delle generazioni a venire.
Se voi studiate da vicino lo stato delle popolazioni nelle quali una simile legislazione è in vigore da molto tempo, scoprirete facilmente che le sue conseguenze non agiscono in maniera meno deprecabile sulla moralità quanto sulla prosperità pubblica, e che essa deprava gli uomini ancora di più di quanto li impoverisce".

Parole dure, ma non prive di fondamento. Dopo secoli una questione irrisolta, anche sotto il profilo speculativo.


Visite