Translate

venerdì 21 gennaio 2011

Il Partito comunista italiano di Enrico Berlinguer. Parla l' ambasciatore USA Richard Gardner.




Dal gennaio all'agosto 1968 si svolse il dramma della cosiddetta Primavera di Praga. Il Partito comunista cecoslovacco, guidato dal neosegretario Alexander Dubcek, tentò di riformare il regime comunista. Il tentativo fu stroncato dall'invasione di un corpo di spedizione del Patto di Varsavia. Il Partito comunista italiano espresse un "grave dissenso". Ma Armando Cossutta, dirigente del PCI che aveva stretti rapporti coi Sovietici, ha dichiarato: "D'Alema sostiene che dopo Praga la sua generazione divenne antisovietica. Lo trovo sorprendente. Ci fu gelo nei rapporti, ma mai rottura, non scegliemmo mai la strada del disinteresse. D'Alema sa, e lo ha anche detto, che ci trovavamo nel pieno della Guerra fredda e che l'imperialismo Usa operava ancora in Vietnam".

Nel 1972 Enrico Berlinguer diventò segretario del PCI. Tra il 1974 ed il 1975 il parlamento italiano si occupò del finanziamento dei partiti. Previde forme di finanziamento pubblico e sanzioni penali per i finanziamenti fuori legge. Ciononostante, nel solo periodo dal 1973 al 1979, secondo la documentazione sovietica esaminata dal professor Zaslavsky e citata da Ernesto Galli della Loggia nel suo Tre giorni nella storia d' Italia, il Partito comunista italiano ricevette dall'Unione Sovietica 32-33 milioni di dollari.

Nella seconda metà degli anni Settanta i Sovietici alterarono l'equilibrio delle forze nucleari di teatro in Europa dispiegando i missili a medio raggio SS-20, montati su rampe mobili, con una gittata di 5000 chilometri e tre testate. In risposta, e su richiesta di Helmut Schmidt, cancelliere socialdemocratico della Germania Occidentale, il Patto Atlantico decise nel 1979 di dare inizio contemporaneamente all'installazione dei missili americani Pershing e Cruise nel territorio europeo e a una trattativa con i Sovietici per cercare una riduzione al più basso livello possibile di queste armi nucleari di teatro.
Scrive Helmut Schmidt nel suo Uomini al potere (1988, pag. 78):
"D'altro canto, però, Mosca potè osservare come, nel corso del 1979, proprio la risoluzione di Guadalupa aveva scatenato reazioni contrastanti nell'opinione pubblica degli Stati aderenti al Patto Atlantico. Il Cremlino legò, così, grandi speranze all'opposizione dilagante in diversi paesi e, con ogni mezzo, cercò di alimentarla".
Le direttive sovietiche furono prontamente eseguite in Italia dal Partito comunista di Berlinguer, che si oppose strenuamente allo spiegamento in territorio italiano dei missili americani cruise. Nonostante tale opposizione queste armi furono collocate in Sicilia, a Comiso, con il consenso dei governi italiani dell'epoca e l'appoggio parlamentare determinante del Partito socialista italiano di Bettino Craxi.

Risale invece al 2005 una conversazione al Council on Foreign Relations di New York con Richard N. Gardner, ambasciatore americano in Italia durante la presidenza Carter (1977-1981), brani della quale vengono di seguito riportati e riassunti.

"There was a great debate in this house, at the council and in other places—what was Italian communism? Was it Euro-communism that sounded—you know, you call it Euro-communism, sounded rather benign? Was this fellow, Berlinguer really a social democrat? Or were these people really so tied to Moscow and so linked to Marxism and Leninism that if they took over it would be a real threat to NATO?"

Cos'era il comunismo italiano? Berlinguer era davvero un socialdemocratico? Questa gente avrebbe potuto rappresentare una reale minaccia per la Nato?

"I took that very seriously. I said, we are going to combat the communists, but using public diplomacy. We’re not going to finance political parties. We’re not—there are going to be no dirty tricks. We’re not going to manipulate events. Carter and Brzezinski insisted on that as well. And that was the way we approached the problem."

L'amministrazione USA adottò una diplomazia pubblica. Non finanziò i partiti politici. Non manipolò gli eventi.

"Now, we’re getting to the, you know, heart of the problem. I truly believe that if the communists had gotten into the government, it would have been a disaster for the United States and for NATO because—don’t forget, this political party was receiving large financial subsidies from the Soviet Union throughout this whole period. In fact, the subsidies didn’t stop until the late 1980s".

Credo che se i comunisti fossero entrati nel governo, sarebbe stato un disastro per gli Stati Uniti e la NATO. I comunisti italiani hanno ricevuto grandi finanziamenti dai Sovietici, fino alla fine degli anni Ottanta (nel 1989 cade il Muro di Berlino, nel 1991 viene meno l' Unione Sovietica)

"Berlinguer, despite the reputation he had in some quarters as being very evolved towards social democracy, repeatedly affirmed his links to the Soviet Union, to the Soviet foreign policy, to Marxism-Leninism. I quote all those speeches here. And what really annoyed me—and I think you’ll understand why—how annoyed I was—was when Berlinguer and leaders of the communist party, after the kidnaping of Aldo Moro, tried to convince the people of Italy that behind the Moro kidnaping was the United States. And the argument was, Moro was going to bring the communists to power, which was not true. He assured me many times—Aldo Moro—that he wasn’t going to do that. And therefore, the Americans did this to prevent the communist entry into the government".

Berlinguer ripetutamente confermò i suoi legami con l'Unione Sovietica, con la politica estera sovietica, con il Marxismo-Leninismo. Mi ha infastidito che Berlinguer e i capi del PCI abbiano tentato di convincere gli italiani che dietro il rapimento di Moro c'erano gli Stati Uniti. Il loro argomento era che Moro stesse portando i comunisti al governo. Ma lui mi assicurò più volte che non l'avrebbe fatto.


"But I quickly became convinced that their entry into government with ministerial positions would have meant a fundamental reorientation in Italy, both in its domestic economic policy and its foreign policy. And, had they come in, we would never have deployed the cruise missiles, and that’s another part of the story—(inaudible)—I want to get to".

L'entrata dei comunisti nel governo avrebbe significato un riorientamento fondamentale della politica italiana, interna ed estera. E non avremmo mai schierato i missili cruise.

"Brezhnev thought he could intimidate us—and Europe, in particular—by deploying the SS20 missiles, which were very powerful, sophisticated, mobile weapons, capable of hitting anyplace in Western Europe; and the Backfire bomber. And Helmut Schmidt in his famous speech in London at the IISS said, this is changing the whole equation. This is putting in doubt the American deterrent because this is a threat to Europe. And will the Americans risk New York and Washington if we’re hit by these terrible new weapons?"

Brezhnev pensava di poter intimidire noi e l'Europa con le nuove potenti armi. Schmidt disse che esse mutavano l'intero equilibrio e mettevano in dubbio il deterrente americano perchè erano una minaccia per l'Europa. Gli americani avrebbero messo a rischio New York e Washington se gli europei fossero stati colpiti da queste terribili nuove armi?

"So Helmut Schmidt said, we’ve got to balance this. We have to restore the Euro strategic balance. We must put some weapons in Europe to countervail these weapons. So Schmidt then said, I’ve got a problem politically. I’m a Social Democrat. This is not easy for me. I need one other country in Western Europe, not counting Britain—it’s got to be a continental country—to take something, either the cruise or Pershing missiles.
Well, they asked Belgium, no; Netherlands, no; Denmark, no; Greece and Turkey out to lunch, whatever."

Schmidt disse: dobbiamo ripristinare l'equilibrio strategico europeo. Ma ho un problema politico, essendo un socialdemocratico. Ho bisogno che un altro paese continentale europeo occidentale prenda dei missili cruise o Pershing.

"So, they said, my God! We’ve got to get the Italians. And the National Security Council said, the Italians! I mean, look, they’ve got the largest communist party in Western Europe. It will never happen. So I get a telegram—Gardner, the buck stops with you. You’ve got to do it.
Well, by great good luck—by great good luck—in June of 1979, for the first time in the post-war period, the communists lost votes. And the communist threat to enter the government ended. That was a miracle because then the next month, a wonderful man—Francesco Cossiga—became prime minister, formed a government without the communists. I went to see him, gave him a top secret document explaining why we needed Italy to help us.
He said, look, this is not going to be easy in our parliament. But if you tell me it’s required for western security, I will do it. And he went to Bettino Craxi, the socialist leader—and remember, the socialist party had never supported NATO. They were not friendly to the U.S".

Nel giugno del 1979, fortunatamente, per la prima volta nel dopoguerra, i comunisti persero voti. E la minaccia comunista di entrare nel governo terminò. Un uomo meraviglioso - Francesco Cossiga - diventò primo ministro e formò un governo senza i comunisti. E andò da Bettino Craxi, leader di un partito socialista che non aveva mai sostenuto la NATO. I socialisti non erano amici degli USA.

Well, despite that description, the Bettino Craxi, who has perhaps a bad reputation with many of you because of the corruption scandals, he took the decision to support it.
So with the government of Cossiga, which was a minority government, and the vote of the socialists, we got the cruise missiles approved in the Italian parliament, against the opposition, of course, of the communists and radicals.

Bettino Craxi decise di sostenerlo. Così con il governo di minoranza di Cossiga e il voto dei socialisti, il parlamento italiano approvò i missili cruise, contro l'opposizione dei comunisti e della sinistra radicale.

Anche le parole di Gardner mettono in luce le responsabilità morali e politiche dei dirigenti del Partito comunista italiano. Mentre le grandi democrazie occidentali fronteggiavano l'Unione Sovietica, uno dei peggiori e più crudeli regimi totalitari della storia, i comunisti italiani ne accettavano i finanziamenti e ne eseguivano le direttive.



Visite